Come sfruttare al meglio l’auto elettrica

0

Il mercato non mente: l’automobile elettrica sta facendo registrare dati vendita da record. L’impennata degli ultimi anni sembra proseguire indisturbata, con proiezioni più che rosee per l’immediato futuro.

Una volta destinati a una ristretta nicchia di facoltosi pionieri, i veicoli elettrici stanno rapidamente conquistando fette sempre più ampie di pubblico. Il prezzo d’acquisto continua a scendere, l’offerta dei costruttori si fa sempre più ampia e variegata nelle diverse fasce di mercato. Nel frattempo, la rete di ricarica gode di una distribuzione via via più capillare.

Gli automobilisti sono attratti anche dal loro aspetto ultra tecnologico, che si riflette sia nelle linee esterne sia negli interni. Le auto a batteria hanno esigue necessità di raffreddare la parte meccanica, quindi rispetto alle termiche presentano meno feritoie e prese d’aria, soprattutto nel frontale.

Il tutto si traduce in linee pulite e futuristiche, o quantomeno di rottura rispetto ai tradizionali stilemi in voga oggi. L’aspetto da veicolo del futuro colpisce anche nei dettagli: spesso tetto e fiancate degli EV incorporano pannelli solari che aiutano a ricaricare le batterie.

Nella vista posteriore, l’assenza di terminali di scarico lascia spazio alla fantasia dei designer, che non devono più fare i conti con questi elementi di ingombro. Anche qui è tutto un fiorire di linee e raccordi estremamente puliti ed armonizzati, richiamando idealmente il carattere ecologico della vettura.

Gli interni sono caratterizzati da cockpit di ultimissima generazione, completamente digitali e dotati di strumentazioni d’avanguardia. La dotazione tecnologica degli EV è quanto di meglio l’industria automobilistica possa esprimere. Telecamere a 360 gradi, radar anticollisione, sistemi ADAS di ultima generazione, guida autonoma, Head-up display e tante altre innovazioni che fino a pochi anni fa sembravano fantascienza.

Tecnologia al servizio della guida

Le auto elettriche presentano peculiarità che le ibride e le endotermiche per loro natura non potranno mai offrire. Gli EV possono climatizzare l’abitacolo prima del nostro arrivo, in modo da accoglierci nella maniera più confortevole possibile.

Per farlo, sarà sufficiente impartire il comando via smartphone, utilizzando l’App dedicata. Da qui possiamo visualizzare l’autonomia residua, la mappa con i punti di ricarica, e consultare in tempo reale tutti i dati tecnici dell’auto.

La consolle principale ci permette di avere immediatamente a portata di sguardo parametri fondamentali quali mappe di navigazione e stato di carica della batteria. Attraverso una gestione elettronica avanzata, l’EV ci suggerisce strategie di guida per estendere l’autonomia.

Il controllo intelligente della climatizzazione ci permette di percorrere qualche chilometro in più, regolando di conseguenza la temperatura e il ricircolo dell’aria nell’abitacolo. L’ottimizzazione automatica dei sistemi di bordo ci permette di viaggiare nel massimo comfort e arrivare quanto più lontano con la singola ricarica.

Sfruttando la frenata rigenerativa possiamo fare in modo che l’auto ricarichi le sue batterie quando alziamo il piede dall’acceleratore. Il freno motore dell’elettrica è notevole, e questo ci permette di non dover quasi mai toccare il pedale del freno.

Lo stratagemma ci permette di allungare l’autonomia, guidare in sicurezza e ridurre al minimo il consumo di dischi e pastiglie.

Uno stile di guida costante, fatto di accelerazioni progressive e frenate dolci e lunghe, permetterà all’auto elettrica di esprimere il massimo in termini di autonomia. Andremo a realizzare nel tempo un sostanziale risparmio economico sui rifornimenti, rispettando contemporaneamente l’ambiente grazie alle emissioni zero del nostro EV.

Share.

Comments are closed.